(Mappa a cura di Maurizio Ruzzene e del gruppo ricerca Retics) 

La rappresentazione delle esperienze di “monete altre” e di scambio e credito mutuale, non monetarie, ancora attive nel nostro paese, presenta diversi ordini di difficoltà.

In primo luogo risulta difficile per l’alto tasso di “mortalità” o di deperimento delle esperienze di monete altre, che di solito si compiono e declinano nel giro di qualche anno (spesso di qualche mese). In secondo luogo perché esistono diversi termini per indicare le “monete altre”, e queste sono state definite in maniera diversa in diversi periodi, a seconda del tipo di approccio analitico adottato.

Così quando è cominciato ad emergere l’interesse per la prospettive delle monete altre nel nostro paese si parlava principalmente di “monete alternative” e “monete locali”, mentre oggi si tende ad usare quasi esclusivamente il termine “monete complementari”. In base al tipo di finalità o obiettivi perseguiti ed al tipo di strumenti impiegati,  si parla anche di “monete comunitarie” o sociali, di “monete di scopo”, elettroniche o virtuali, e infine di cripto-monete. 

Nell’ambito Retics si è preferito impiegare comunque il termine più generico e onnicomprensivo di “Monete altre”, specie a partire dall’ultima Scuola Estiva, svoltasi a Giovinazzo nel settembre 2018. In questa scuola  è emersa anche l’esigenza di distinguere tra strumenti monetari o quasi monetari e strumenti propriamente non monetari perché questa distinzione risulta molto importante a fini pratici o di valutazione dell’impatto sociale dei diversi tipi di esperienze di scambio e credito mutuale.

Seguendo questo tipo di distinzioni si è compilato e aggiornato anche questo elenco delle “monete altre” sviluppate nel nostro paese. L’elenco si presenta come una sorta di mappa tematica, e deve essere ancora oggetto di ulteriori specificazioni per risultare più appropriato e utile. Sia ai fini della rappresentazione delle esperienze esistenti. Sia ai fini del cambiamento sociale che si impone oggi, tanto agli attivisti di  Retics quanto agli approcci alle “monete altre” più in generale.

 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

LE PRINCIPALI ESPERIENZE ITALIANE DI MONETE ALTRE E DI SCAMBIO E CREDITO NON MONETARIO CHE HANNO ESERCITATO UN INFLUSSO RILEVANTE NEGLI APPROCCI TEORICI E PRATICI SVILUPPATI NEL NOSTRO PAESE  (in ordine cronologico):

  • Banche del tempo (Circuito nazionale di scambi e crediti mutuali di tipo non monetario, nasce a cavallo del nuovo millennio ed è tutt’ora attivo in molte regioni italiane)
  • SIMEC (Moneta locale costruita nel 2003 in base ad un progetto di G. Auriti,  resta in vigore pochi mesi cessando per un intervento dell’autorità giudiziaria e finanziaria)
  • Eco-Aspromonte (Esperienza di “quasi moneta”, progettata nell’ambito del Parco Aspromonte dal direttore T. Perna, nasce nel 2004 e cessa pochi mesi dopo,  per intervento delle autorità giudiziarie) 
  • Arcipelago Scec (sistema di scambi basato sul principio del “buono sconto circolare”, sviluppata a partire dal 2008 l’esperienza resta formalmente tutt’ora attiva ma con notevoli problemi di funzionamento / riproduzione)
  • Sardex (Circuito di baratto differito sviluppato in Sardegna, a partire dal 2009, si sta diffondendo in molte regioni italiane e rappresenta l’esperienza di scambio e credito mutuale, propriamente non monetario, più di successo in Italia ed anche al livello mondiale).

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

ESPERIENZE DI SCAMBIO E CREDITO MUTUALE AD ORIENTAMENTO COMUNITARIO, CHE HANNO INFLUITO NELLO SVILUPPO DEL PROGETTO RETICS :

 

  • Banche del tempo

Sistemi di scambio e credito mutuale che misurano i valori economici dei beni e servizi scambiati in termini di unità di tempo (secondo il principio per cui ogni ora di lavoro ha lo stesso valore a prescindere dal tipo di attività svolta).

Sorte ormai da un paio di decenni in molte zone del nostro paese, le BDT sono riunite nella Associazione nazionale delle Banche del tempo.

http://www.associazionenazionalebdt.it/

 

  • Bus

Circuito di buoni sconto circolari sviluppato all’interno del Distretto di Economia Solidale
di Reggio Emilia (per approfondimenti vedi scheda).

http://mag6.it/wordpress/category/b-u-s-buono-di-uscita-solidale/

 

  • MI Fido di noi NOI

Moneta in unità di tempo del Sistema comunitario di scambio “Mi Fido di noi” in via di sviluppo da alcuni anni nel Distretto di Economia Solidale della Brianza (per approfondimenti vedi scheda)

http://desbri.simonini-informatica.it/progetti/mi-fido-noi  

 

  • Rete di mutuo credito 

Rete di scambio e credito mutuale che fa riferimento ai principi della scontistica circuitale (buoni sconto circolari) e delle camere di compensazione, è attiva specialmente in Romagna e in Trentino ma ha aderenti in diverse altre regioni Italiane.

http://www.retedimutuocredito.it

 

  • Susino 

Circuito di scambio basato sui principi dei buoni sconto sperimentato a partire dal 2012 in Val di Susa ed ora in fase di riprogettazione.

http://www.etinomia.org/venerdi-30-novembre-debutta-il-susino/

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

ESPERIENZE E PROGETTI PIU’ RECENTI, SVILUPPATI NELL’AMBITO DELLA RETE DI ECONOMIE SOLIDALI E CHE HANNO PARTECIPATO AGLI INCONTRI DEL LABORATORIO MONETE:

  • “Pan e Farine del Friul del Mieç” (CSA San Marco, UD)
  • Grano (Laboratorio moneta Bolognese)
  • FICOS (Filiera Corta /  Sostenibile Siciliana) 
  • MOMA (Moneta Maremmana)

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

ESPERIENZE E PROGETTI DI SCAMBI MUTUALI E DI MONETE ALTRE SVILUPPATI IN AMBITO PUBBLICO NEL NOSTRO PAESE (in ordine cronologico):

 

  • Eco-Aspromonte (cessata)
  • Moneta sociale di Riace (cessata)
  • Monete sociali dei comuni del Potentino (cessate)
  • Napo del comune di Napoli (cessata)
  • La legge e le esperienze sul baratto amministrativo
  • L’approvazione unanime della camera a sostegno degli strumenti della Compensazione creditizia
  •  Il progetto dei certificati di credito fiscali
  • Le ipotesi sugli Euro-bond
  • Il Buono Spesa Sociale (Comprensorio Terre d’Argine, dei comuni di Soliera, Campogalliano, Carpi e Novi, in provincia di Modena)
  • Il Token napoletano (buono eco-sociale e cripto-moneta) sostenuto dal Comune di Napoli

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

CIRCUITI DI SCAMBIO E CREDITO NON MONETARI, A PREVALENTI FINI COMMERCIALI O DI RILANCIO ECONOMICO TERRITORIALE MA ORIENTATI ANCHE ALLO SVILUPPO DI RELAZIONI DI SOLIDARIETA’ E COMUNITARIE (IN ORDINE ALFABETICO)

 

  • Arcipelago SCEC (Solidarietà ChE Cammina)

Sistema di scambi di beni e servizi basato sui principi degli sconti circolari, avviato nel 2008 come progetto volto a rilanciare e riterittorializzare gli scambi economici, è diffuso oggi in quasi tutte le regioni italiane. Alla sua base vi è una visione aperta ed in continua evoluzione dello stesso concetto di locale, che comprende non solo la singola città, regione, o nazione ma arriva a considerare l’intero pianeta come “una grande comunità locale”.

http://www.arcipelagoscec.net/

  • Banco di comunità

Modello di economia sostenibile e di condivisione per scambiare beni, tempo e competenze generando prossimità.

http://www.bancodicomunita.it/

  •  Camuno

Circuito di scambi tra imprese operanti in ValCamonica, basato sui principi dei buoni sconto e del baratto differito. Non ha fini di lucro, è gestito in forma associativa con il contributo di tutte le imprese aderenti ed ha come obiettivo dichiarato lo sviluppo ed il mantenimento della qualità della vita all’interno del territorio valligiano, un obiettivo che viene perseguito principalmente destinando una quota annuale dei buoni al finanziamento di iniziative sociali.

https://camuno.net

 

  • EuroBexB

Sistema di transazioni basato sui principi del baratto multilaterale tra imprese, avviato dal 2001 si avvale dell’ausilio di uno staff professionale che accompagna e sostiene le imprese nella ricerca di nuove occasioni e nuovi partner di scambio commerciale (ha agenzie territoriali in: Piemonte, Lombardia, Friuli, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Campania, Puglia, Sicilia)

 http://www.bexb.it/

 

  • Sardex

Sistema di scambio/baratto di fatto “senza moneta” o in cui le forme monetarie compaiono principalmente come unità di conto, e che risulta basato sui principi della compensazione creditizia per cui le posizioni di credito e debito vengono saldate in moneta ufficiale solo con cadenza annuale. Viene sviluppandosi a partire dal 2009, dapprima in Sardegna e poi in diverse altre regioni italiane.

https://www.sardex.net

 

Il modello di scambio e credito Sardex si è sviluppato ad oggi in altre undici regioni italiane, tra cui Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Lazio, dando luogo a (in ordine alfabetico):

 

  • Liberex

Circuito di credito commerciale in Emilia Romagna, ispirato e associato al Sardex

https://www.circuitoliberex.net/

 Linx

Circuito di Credito Commerciale in Lombardia, ispirato e associato al Sardex

http://circuitolinx.net/

 

  • Piemex

Circuito di Credito Commerciale sviluppato in Piemonte, è ispirato al modello Sardex a cui è associato

https://piemex.net/

 

  • Tibex

Circuito di credito commerciale in Lazio, ispirato e associato al Sardex

http://www.tibex.net/

 

  • Venetex

Circuito di Credito Commerciale in Veneto, ispirato e associato  al Sardex

https://www.circuitovenetex.net/

 

(IN CORSO DI AGGIORNAMENTO …)

TAG:

MONETE ALTERNATIVE:  MONETE SOCIALI – MONETE COMPLEMENTARI – MONETE LOCALI – MONETE DI SCOPO